Avvisiamo i visitatori che il nostro sito utilizza solo cookies tecnici.

LA SCURE DEL BOIA

Si avvicina la fine della procedura di mobilità, ma nelle mani del boia, la scure Ericsson sembra ancora assetata del sacrificio di altri 121 lavoratori.

In azienda si vive nell'ansia del domani, qualcuno non riesce a nascondere la propria preoccupazione, altri scherzano per esorcizzare il peggio, ci sono gli indifferenti che devono ancora capire che è finito il tempo di rimanere in disparte, e poi a volte ti imbatti anche con la stupidità di un line manager la cui fungibilità umana e manageriale è pari a "-6".

La fungibilità..., quella lavorativa che per i criteri aziendali va da -6 a 45, sembra che sia la chiave del licenziamento e nel corso del tempo, i non graditi alla corte per qual si voglia motivo, ad arte vengono resi "non fungibili" al processo produttivo Ericsson. Tante volte abbiamo visto mettere da parte i nostri colleghi per convincerli ad abbandonare il posto di lavoro, oppure di vedere personale quadro messo in disparte per poi essere demansionato e messo a fare lavoro a turni, turni di lavoro che tra l'altro non sono stati concordati con la RSU. Chi non ricorda le sollecitazioni di alcuni line manager che prospettando l'incentivo aziendale per andare via, offrivano come alternativa al licenziamento il lavoro in posti pericolosi come la Libia? Abbiamo visto disertare accordi sottoscritti dall'azienda con il sindacato per la riqualificazione e la ricollocazione del personale, personale che poi alla fine, guarda caso, è stato licenziato.

Ma come mai i lavoratori Ericsson italiani che lavorativamente parlando sono più svegli ed elastici di tutti gli altri lavoratori della Corporate, non sono più fungibili al processo produttivo Ericsson? Come mai la grande Ericsson non riesce più a vincere una gara e quando si perdono commesse si continua a valorizzare il management con un parametro di giudizio ispirato a Cettolaqualunque? Tutto questo per noi non è plausibile, altre logiche invece devono esserci per questi licenziamenti mascherati dalla procedura di mobilità.

Le Segreterie Nazionali Slc, Fistel e Uilcom ancora una volta hanno chiesto a Ericsson (vedi lettera) di gestire differentemente questa vicenda, e noi rimettiamo a Ericsson la grave responsabiltà di essere rimasta sorda alle mille sollecitazioni fatte dal Sindacato e dal nostro Governo, e alle proposte di aiuto messe a disposizione dalle nostre Regioni.

Per conoscenza vi alleghiamo il linlk del Question Time del Parlamento del 13/09/2017 dove il ministro Quaranta ha interrogato Poletti sulla vicenda Ericsson. L'intervento è più concentrato sulla ricerca e sviluppo di Genova perché il ministro Quaranta è di quelle parti, ma viene comunque affrontata la vicenda Ericsson nel suo complesso.

 http://www.rai.it/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-3cf85a9d-c6e0-4b55-a537-9c0e3d1a201d.html?popup

I lavoratori licenziati sulla sede di Roma lo scorso 21 luglio sono stati 91 su 153 dichiarati in procedura. A Ericsson manca ancora qualche numeretto per raggiungere i suoi obbiettivi, e siccome è nello stile aziendale mandare lettere di venerdì sera, teniamoci pronti il lunedì mattina per dare la nostra risposta.

 

RSU Roma Ericsson