Avvisiamo i visitatori che il nostro sito utilizza solo cookies tecnici.

07/02/2007 - PROSSIMO INCONTRO RSU DI ROMA, AZIENDA

Categoria: News Ericsson TEI Creato: Martedì, 06 Febbraio 2007 Pubblicato: Lunedì, 08 Dicembre 2008 Scritto da rsuroma.tei

Proseguiamo il precedente incontro avvenuto in data 29/01/2007 riguardante la rimodulazione degli assetti lavorativi della sede di Roma, dopo l'avvenuta fusione con il gruppo Marconi.
All'incontro saranno presenti la RSU di Roma, FIM-FIOM-UILM Territoriali, l'ufficio delle Relazioni Industriali Ericsson e Cesare Avenia.

Nell'incontro del 29 gennaio i primi dati che abbiamo chiesto sono quelli relativi alla forza lavoro del sito di Roma avendo come risposta quanto segue:

» Ericsson TEI ha un totale di 1261 lavoratori di cui 701 impiegati, 454 quadri e 106 dirigenti, non ci sono più contratti di somministrazione e contratti a progetto, mentre ci sono 17 contratti di inserimento a 18 mesi in scadenza tra giugno e settembre ed un contratto a tempo determinato;

» Marconi ha un totale di 307 lavoratori di cui 152 impiegati, 130 quadri e 25 dirigenti.

Il sindacato ha chiesto anche i numeri dei contratti in appalto continuativi su attività proprie di Ericsson. L'azienda ha prima minimizzato il fenomeno poi sucessivamente alle nostre argomentazioni si è impeganta a fornire i dati negli incontri successivi.

Gli altri dati che l'azienda si è impeganta a fornire:
» Numero delle persone suddivise per le divisioni Network, Multimedia e Services.
» rapporto biennale sulla situazone del personale maschile e femminile ai sensidell'art. 9 legge 10 aprile 1991 n. 125;
» rapporto sulla formazione del personale;
» rapporto corsi legge 626.

Sul tema della sicurezza del lavoro abbiamo sollecitato l'azienda ad effettuare l'incontro annuale per l'anno 2006, con il medico competente.

La RSU ha segnalato all'azienda un grosso calo dell'attività lavorativa in molti reparti. All'azienda questo non risulta, tutti sono impegnati a sufficenza e se un calo c'è è dovuto alla forte riorganizzazione che Ericsson si sta dando. C'è anche una stasi dovuta alle vicende Telecom che tiene fermi gl investimenti sulle infrastrutture. Nel 2007 è comunque previsto un calo del fatturato sulle infrastrutture e siccome Telecom ha intenzione di fare insourcing di attività, si prevede una caduta dei prezzi sulle stesse. Si prevedono tuttavia un forti investimenti sui servizi anche grazie alla novità degli operatori mobili virtuali mentre il contratto con H3G sta andando molto bene.

Abbiamo evidenziato con preoccupazione che in riferimento alle internalizzazioni di attività da parte di Telcom, la Ericsson ha fatto, nelle sttimane passate dei corsi completi a personale di detta società, sulle lavorazioni Data Transcript e di Exchange Requiriments. E' previsto un secondo ciclo di corsi per perfezionare l'istruzione su dette attività.
L'azienda non ha smentito né confermato le nostre preoccupazioni, commentando che Telecom ha più volte provato ad internalizzare le attività in questione ma senza riuscirci perché non sufficientemente competente.
La RSU ha replicato che Telecom è in grado ad oggi di svolgere detti attività chiedendo rassicurazione sul carico di lavoro per i nostri lavoratori. La Ericsson minimizza sostenendo che comunque ci sarà ampio spazio per lavorare sui servizi a valore aggiunto.

Il sindacato ha fatto notare all'azienda che dai bilanci Ericsson Telecomunicazioni 2003-2004-2005, risulta una scarsa redditività dell'impresa. L'azienda ha replicato che sta esercitando una riduzione dei costi mediante la rivisitazione dei processi aziendali.